22 aprile 2022 materiali preparatori per l’assemblea di transform! italia

transform! italia terrà la propria assemblea il prossimo 22 aprile presso la sede nazionale ARCI in via Via dei Monti di Pietralata, 16 a partire dalle ore 14, in concomitanza con l’assemblea degli iscritti individuali al Partito della Sinistra Europea, che avrà luogo nello stesso spazio a partire dalle ore 16,30.

Sarà l’occasione per fare il punto e confrontarci sulle tematiche che attraversano il complesso momento storico che stiamo vivendo e su come si possa costruire e diffondere un pensiero critico e alternativo.

il titolo della assemblea è

 

LA BATTAGLIA DELLE IDEE
per una Europa di pace, democrazia, diritti ambientali e sociali

 

 

introduzione e programma

La pandemia prima e la guerra poi sono lo sfondo e il risultato di un processo di lungo periodo i cui frutti avvelenati sono oggi davanti agli occhi. Eppure anche di fronte all’evidente fallimento del sistema, le strutture di potere nazionali ed internazionali, continuano a scegliere di percorrere strade che ci portano a nuovi e maggiori disastri.

La pandemia ha colpito mostrando la debolezza di un sistema sanitario infiacchito e logorato da anni di tagli e dismissioni di personale e strutture, frutto di politiche indirizzate a demolire l’interesse pubblico e a favorire quello privato.

Anche l’ingiustificata aggressione del governo russo dell’Ucraina è stata preceduta da un trentennio di politiche estere, europee e occidentali, fatto di guerre e bombardamenti con cui si è cercato di imporre un dominio invece che un dialogo.

 

La guerra e la militarizzazione sono accompagnate da una martellante propaganda con cui vogliono imporci l’arruolamento nelle fila dell’occidente, contro tutto il mondo che non si allinea al volere delle “democrazie avanzate”.

L’Europa getta alle ortiche decenni di cultura del dialogo per consegnarsi agli interessi che sono al di là dell’atlantico e lo fa principalmente aggredendo i diritti e le condizioni di vita delle lavoratrici e dei lavoratori. L’erosione dei salari, il ricatto tra lavoro e ambiente, il diritto alla cura e all’istruzione, tutto è sottomesso alle compatibilità della legge del mercato finanziario.

Di fronte a tutto ciò continuiamo a pensare che solo la presa di parola degli “sconfitti” possa ribaltare la situazione e che questo possa essere fatto solo a livello europeo e globale.  Per questo transform! italia ha lavorato e lavora per costruire un’analisi delle trasformazioni dal capitalismo e per le convergenze necessarie a dare gambe ad una alternativa di società

Durante l’assemblea, infatti, oltre ad una discussione sulla cronaca degli eventi in corso, daremo spazio all’illustrazione dei filoni di ricerca che abbiamo realizzato in questi ultimi mesi, come redazione del sito transform-italia.it. Focus su alcuni aspetti di carattere generale come i rapporti dell’Europa nello scenario globale, la transizione digitale, e quella verde, così come la lettura femminista della militarizzazione e dell’economia in tempo di guerra e di pandemia.

Proprio a partire dalla questione della pandemia e dallo scandaloso profitto che le grandi case farmaceutiche hanno realizzato e continuano a realizzare, con il supporto della commissione europea, ci siamo impegnati dal primo momento alla campagna #noprofitonpandemic, che oltre la raccolta di firme per una Iniziativa dei Cittadini Europei, promuova una discussione sul ruolo dei brevetti farmaceutici.

Abbiamo inoltre promosso, insieme a attivist* ed intellettuali, una rete (MOVE UP!) a sostegno delle mobilitazioni contro il G20 che si è tenuto in diverse città italiane nel 2021.

Partecipiamo, come nodo della rete europea transform! europe, alla vita culturale del Partito della Sinistra Europea, promuovendo incontri e seminari in occasione delle università estive e del Forum Europeo delle Alternative, in cui abbiamo presentato e promosso il percorso dell’Altra Agenda.

Con particolare attenzione alla dimensione nazionale abbiamo promosso alcune reti come il Lab Sud, dedicata alla questione meridionale con cui abbiamo realizzato una serie di incontri e di seminari che hanno prodotto una pubblicazione edita dalla rivista Left dal titolo “Lezioni Meridionali” e con cui intendiamo costruire per l’estate una sorta di stati generali del sud.

Abbiamo promosso appelli di rilevanza europea come quello contro l’assurda equiparazione tra Nazismo e Comunismo fatta dal parlamento europeo per il rispetto della memoria e della storia che mette in luce il carattere anti comunista della UE e il tentativo di cancellare il ruolo svolto dalle organizzazioni comuniste nella lotta al nazifascismo e il portato di quella lotta nella costruzione delle nostre democrazie, soprattutto nascondendo l’articolazione che il movimento comunista ha avuto storicamente e ideologicamente nel nostro continente.

Più recentemente abbiamo costituito un Osservatorio sulla Unione Europea, che ci vedere coinvolti per l’analisi dei passaggi istituzionali assunti dai diversi livelli delle istituzioni europee e con cui in questi giorni promuoviamo ad esempio un dibattito aperto sul carattere della militarizzazione.

Ultimamente abbiamo lanciato un appello “Rosso Verde non è un ornamento” con cui vogliamo evidenziare l’ipocrisia di alcune posizione politiche con cui si sostengono progetti di governo nazionali e locali che mascherano una ristrutturazione capitalista con una finta transizione ecologica

Ci stiamo muovendo anche sullo scenario europeo promuovendo un network di media, giornali e riviste (Media Alliance) proprio perché crediamo necessario rilanciare quello che abbiamo definito nel titolo della nostra assemblea, una battaglia delle idee, per contrastare il tentativo di oscurare le posizioni della sinistra nel nostro paese e in tutta Europa.

 

Questi sono gli argomenti che intendiamo presentare e discutere nella nostra assemblea a cui ti invitiamo a partecipare per arricchire su questi e altri punti un dibattito aperto al contributo di tutte e tutti.

Programma

Ore 14  Apertura dei lavori

Interventi
Soci e collaboratori al sito
Elezione degli organismi dell’associazione

Ore 15
Esterni e simpatizzanti

Marga Ferrè
Heinz Bierbaum
Loredana Marino
Riccardo Petrella
Nicoletta Pirotta
Fausto Bertinotti
Alessia Gasparini
Piero Bevilacqua
Elena Mazzoni
Maurizio Acerbo
Patrizia Sentinelli
Franco Russo

 

Per chi si collega questo è il link

Argomento: Assemblea transform! italia

Ora: 22 apr 2022 02:00 PM Roma

Entra nella riunione in Zoom

Join our Cloud HD Video Meeting

Zoom is the leader in modern enterprise video communications, with an easy, reliable cloud platform for video and audio conferencing, chat, and webinars across mobile, desktop, and room systems. Zoom Rooms is the original software-based conference room solution used around the world in board, conference, huddle, and training rooms, as well as executive offices and classrooms. Founded in 2011, Zoom helps businesses and organizations bring their teams together in a frictionless environment to get more done.

 

ID riunione: 882 5492 4541

Passcode: 057427

lettera di invito all'assemblea

Care e cari,

transform! italia ed “Europa a Sinistra” – Comitato aderenti individuali al Partito della Sinistra Europea hanno camminato insieme in questi anni per costruire una sinistra in Italia che avesse come sguardo e “terreno di lotta” la dimensione europea.

L’appuntamento dell’assemblea che abbiamo convocato per il prossimo 22 aprile 2022, per quanto formalmente divisa in due, costituisce un unico incontro in cui scambieremo idee e proposte, condividendo un percorso di sostegno alla costruzione di una soggettività politica europea. C’è la possibilità di una coalizione ampia con cui rappresentare non solo le battaglie civili e sociali che sorgono dalle tante fratture che il neoliberismo ha determinato in Europa e – come vediamo – anche su scala globale, ma anche per rendere visibile una idea di alternativa alle politiche di guerra che il capitalismo ci impone.

 

Crediamo che solo la capacità di dare voce e corpo all’alternativa politica alle destre e alle socialdemocrazie possa ridefinire un campo che riporti in scena, anche nel nostro paese, una sinistra vera.

La guerra in Ucraina segna uno spartiacque nella storia dell’Europa. Dopo quella che abbiamo definito la “guerra dei trent’anni”, in cui l’Unione Europea, dopo la caduta del muro di Berlino, si è venuta costituendo come spazio del mercato e della speculazione finanziaria, sia le destre che le socialdemocrazie (corrotte dalla ideologia della “terza Via”) si sono fatte carico di demolire il ruolo del mondo del lavoro, spingendo verso l’impoverimento e la precarietà milioni di cittadine e cittadini europei.  E’ in atto addirittura un tentativo di rovesciare la Storia per scrivere un futuro opposto a quello sognato: non un’Europa dall’Atlantico agli Urali, ma una dependance dell’Atlantismo e della sua presunta superiorità

 

Ben lungi dal fare dell’Unione Europea uno strumento di pace si è dato vita a un nuovo progetto coloniale, una “fortezza” a cui è vietato l’accesso a chi fugge da guerre “altre” e povertà, guerre e povertà di cui la stessa UE è corresponsabile.

Per quanto la storia non sia ancora scritta, la guerra segna un passaggio anche nello scenario globale. Assistiamo al passaggio da una globalizzazione che – da Porto Alegre a Genova – avevamo riconosciuto come ingiusta per la spietata accumulazione capitalista e la distruzione dell’ambiente, ad un ritorno all’economia di blocchi. Occorre il coraggio di proporsi da subito per le sfide del prossimo futuro – comprese quelle elettorali – con i connotati della “Sinistra Europea”: un volto nuovo e unitario in cui possano convivere le tante parzialità, nello spirito della convergenza e della cooperazione per una nuova stagione della Sinistra.

Vi aspettiamo per condividere il percorso.

Roberto Morea                                                                          Pietro Soldini

transform! italia                                                              Comitato “Europa a Sinistra”

Contributi scritti della redazione

Menu