Riempire un vuoto

di Roberto
Morea
La presentazione della lista Pace, Terra, Dignità tenuta oggi a Roma presso una gremita sala stampa della FNSI, parte da una premessa presentata in poche parole dalla Giornalista Benedetta Sabbene di Servizio Pubblico, piattaforma web lanciata da Michele Santoro. Siamo alla vigilia del secondo anniversario dello scoppio della guerra Russo-Ucraina che, malgrado tutto l’impegno occidentale, ci ha portato solo ad uno stallo e ha prodotto una distruzione del paese ucraino con la morte di decine di migliaia di persone, senza che quel supporto militare che sarebbe dovuto servire ad una trattativa più favorevole, abbia prodotto l’effetto desiderato. In più l’apertura del fronte palestinese, indica una tendenza storica di una normalizzazione…
3 Commenti

pace terra dignità

scritte così, appositamente senza virgola, per significare meglio quanto queste tre parole siano tra loro intrecciate e connesse. Soprattutto oggi quando raccogliersi in uno spazio politico è indispensabile per contrastare guerra, distruzione ambientale, sfruttamento. Dedichiamo le immagini di oggi alle innumerevoli presenze che hanno animato le lotte per la pace senza dimenticare quelle per la terra e per la pari dignità.

pagine interne
in evidenza

articoli

Quando Israele eravamo noi

di Stefano
Galieni
Fra l’ottobre del 1935 e il maggio del 1936, il regime fascista raggiunse in Italia il massimo del proprio consenso con l’aggressione e l’invasione dell’Etiopia, Stato indipendente facente parte della…

La Germania si riarma e la SPD chiede un arsenale atomico

di Roberto
Musacchio
Karina Barley è la capolista della SPD alle prossime elezioni europee essendo già oggi vice presidente del Parlamento Europeo. Ha dichiarato che occorre prendere in seria considerazione la costruzione di…

Ristabilire il ruolo di servizio pubblico della RAI

di Stefania
Brai
Non si era mai visto che un amministratore delegato della Rai, o un suo equivalente, intervenisse con un comunicato non per far conoscere la posizione dell’azienda rispetto ad una vertenza…

Che cos’è il comunismo? (seconda parte)

di Franco
Ferrari
Nella prima parte di questo articolo abbiamo visto qual è stata la formulazione classica dell’idea del comunismo, inteso sia come movimento reale dotato di un fine che come definizione del…

Europa la transizione precaria

di Roberto
Rosso
La Commissione Europea ha ritirato il regolamento sui pesticidi, peraltro già bocciato dal Parlamento Europeo, sotto la spinta delle rivolte contadine. Il Green Deal ed in particolare la parte il…

La Vittoria di Adua

di Luciano
Beolchi
Sono passati 130 anni dalla vittoria di Adua, la più grande vittoria africane del secolo XIX contro l’imperialismo europeo in nome delle libertà e dell’indipendenza dell’Etiopia. Da allora i pasi…

Cosa c’entra la Namibia con Gaza?

di Gianluca
Solera
Per quanto tempo dovremo ancora scrivere di una guerra che uccide a passo di danza, un passo indietro e due passi avanti, uno di lato ed uno in avanti? Che,…

Esodo, esodi e foibe

di Marino
Calcinari
“La foiba è costituita da un avallamento carsico, orrido a semicerchio di cui la parete verticale (E) è alta circa 130 metri , ed è frangiata in alto dalle case…

intersezioni femministe

Femminismo a Napoli: le Nemesiache

di Paola
Guazzo
Femminismo, a sud L’inutile Italsider Attende eterna Voci urla un popolo Guarda irato. Presentiamo un articolo di Vera Sibilio sul gruppo femminista napoletano Le Nemesiache, tratto dalla newsletter femminista Ghinea (qui link per iscriversi e riceverla mensilmente https://ghinea.substack.com/). Performance, simbolismo, travestimento, antipsichiatria femminista, psicofavole,  cinema, arte: questo il mondo percorso dal gruppo già da fine anni Sessanta: “La nostra creatività è il nostro mondo che emerge e esplode capovolgendo e scoprendo infinite fantastiche imprevedibili dimensioni”. Un femminismo in lotta in…

Vite lesbiche in tre scenari

di Paola
Guazzo
1. Lorena H. Lorena Hickok, New York 1932: «Vivevo in un piccolo appartamento con una minuscola finestra e il bagno in fondo al corridoio. […] I miei amici erano cronisti, le mie amiche erano spesso correttrici di bozze (molto acute, molto dolci), e io ero quel che chiamavano una newspaperwoman. Leggevano i miei pezzi e tutti sapevano che io di matrimoni non mi occupavo.» ( Amy Bloom, Due donne alla Casa Bianca, Fazi 2019, p. 39). L’infanzia di Lorena ricorda…

Rachele Borghi: per un transfemminismo contro la colonialità e il privilegio che sappia creare nuovi spazi attraverso la mobilitazione e la ribellione dei corpi

Rachele Borghi, classe 1976, è geografa, docente di Geografia all’Università Sorbona di Parigi e insegnante alle Belle Arti all’Accademia di Marsiglia. Per la collana Culture Radicali di Meltemi editore ha pubblicato nel 2020 il saggio Decolonialità e privilegio nel quale, con uno sguardo femminista e decoloniale, mette a critica il sapere occidentale, in particolare quello accademico, che si presenta come universale e “ufficiale” e relega le altre forme di conoscenza in una posizione subalterna. Se si vuole davvero cambiare il…
la nostra rete

Per conoscere il Progetto Spinelli

Riprendiamo da movimentoeuropeo.it, l’articolo di Pier Virgilio Dastoli – Il 14 febbraio 1984, dopo due anni di lavoro in commissione e in aula, il primo Parlamento europeo eletto, approvò a…