I piani di governo di Trump e della costellazione conservatrice che lo sostiene: Project 2025 e le altre piattaforme politiche

di Alessandro
Scassellati
La Heritage Foundation con il Progetto 2025, un manifesto nazionalista autoritario cristiano, e una rete di attivisti di estrema destra ben finanziata si stanno preparando per il ritorno dell’ex presidente Donald J. Trump alla Casa Bianca. Il documento dimostra che gli alleati di Trump hanno un piano per le cose che ritengono sia necessario fare per promuovere nazionalismo economico, isolazionismo in politica estera, ostilità all’immigrazione e neutralizzare il “deep State”, lo “Stato profondo” e reindirizzare lo “Stato amministrativo” – la costellazione di agenzie, istituzioni e procedure che il Congresso ha creato per aiutare il presidente ad attuare le leggi che approva -, proponendo di riorganizzare l’esecutivo con dettaglio tecnocratico, dipartimento…

Un’arma in casa

sembra essere la condizione preliminare per gli attentati ai presidenti degli Stati Uniti che –a partire dal 1835- si contano fino a un totale di 16 mentre innumerevoli sono gli episodi di eccidi indiscriminati. Dedichiamo le immagini di oggi alle pubblicità di armi negli USA e alla mania per collezionarle dal momento che è innegabile una relazione tra il loro libero acquisto e il ripresentarsi di omicidi mirati o di massa; ma con ciò non ci taciamo che c’è anche chi le armi non le ha in casa bensì nella testa…

pagine interne

in evidenza

articoli

Il war deal di Ursula Von Der Leyen

di Roberto
Musacchio
La prima votazione per la riconferma a presiedere il Parlamento Europeo di Metsola, del gruppo popolare e maltese, totalmente coinvolta nelle scelte belliche, è stata record. Un plebiscito trasversale ben…

Le origini di Democrazia Proletaria tra movimenti e istituzioni

di Franco
Ferrari
L’editore DeriveApprodi ha deciso, opportunamente, di rendere nuovamente disponibile la ricostruzione delle origini di Democrazia Proletaria (dal 1968 al 1980) dello storico William Gambetta uscito originariamente nel 2010 (Democrazia proletaria.…

Intelligenza artificiale, lavoro democrazia

di Roberto
Rosso
La conferenza del 15 gennaio ‘HO VISTO COSE CHE…L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE E IL LAVORO METALMECCANICO’1 organizzata dalla Fondazione di Vittorio ha avuto il merito di focalizzare l’ampio dibattito in corso sugli…

Istigazione a delinquere

di Marcello
Pesarini
Vorrei accusare, come cittadino, la classe politica italiana per istigazione a delinquere nel campo della pubblica istruzione. Spiegherò perché: la scuola pubblica italiana corre lungo una china pericolosa più o…

Non dobbiamo mai dimenticare che siamo Resistenza

di Laura
Tussi
Se volete dare un altro messaggio all’Occidente, deve essere un messaggio d’amore, un messaggio di verità  (Mahatma Gandhi) – Come i social influenzano la politica internazionale con mezzi massmediali sempre…

intersezioni femministe

Pausa… dal voto

di P. Guazzo,
N. Pirotta
“Intersezioni femministe” la rubrica della rivista settimanale online di Transform!Italia, ha visto la luce nel settembre dello scorso anno. Ora, dopo quasi 10 mesi di intensa attività, è tempo di fare una pausa per ripensarsi e ricominciare, dopo l’estate, con slancio ancor maggiore. Fra l’altro, come curatrici della rubrica, ci eravamo date come obiettivo una pubblicazione tendenzialmente quindicinale ed invece siamo riuscite a pubblicare quasi tutte le settimane. Nella scelta dei materiali abbiamo cercato di mantenere fede agli obiettivi che…

Donne e sport: una corsa ad ostacoli perenne

di Nicoletta
Pirotta
Dal 24 luglio all’11 agosto 2024, cioè tra poche settimane, si terranno a Parigi i Giochi Olimpici.In questa trentatreesima edizione, per la prima volta nella storia dei giochi, gareggeranno lo stesso numero di atlete e atleti. Non si creda però che sia stato facile raggiungere  questo obiettivo. Era il lontano 1922 quando ebbe inizio la lunga lotta delle sportive per il diritto a partecipare alle gare. Nello sport, come in ogni altro ambito della vita, ciò che le donne hanno…

Judith Butler al Gaza Solidarity Encampment di Bologna

Presentiamo un recente video (con sottotitoli in italiano attivabili cliccando sull’icona sulla destra) di Judith Butler a Bologna, dove la filosofa ha tenuto fra l’altro l’apprezzatissima lectio magistralis intitolata Fascist Passions,  titolo di impatto che vale già il contenuto. Judith Butler, americana di origini ebraiche, partecipa anche a un avvenimento fuori dalle mura universitarie, in un luogo non anodino, dove l’impegno è messo a nudo e non è solo chiacchiera accademica anche queer. È un modo diverso di percorrere i…

focus

Ripartiamo da 1000 come i garibaldini

di Pietro
Soldini
Dopo circa due anni dalla nostra prima assemblea costitutiva, un tempo che ci eravamo dati, per lavorare a far crescere, questa idea di  una militanza di sinistra nel partito della…

La mia adesione al Partito Della Sinistra Europea

di Pasqualina
Napoletano
Caro Pietro, da oggi i mille diventano 1001, infatti, ho deciso di iscrivermi al Partito transnazionale della Sinistra Europea. Non è per vocazione minoritaria che ho maturato questa scelta, al…