La scuola si articola in una serie di lezioni, svolte da remoto, in cui intellettuali e studiosi di diverse discipline intrattengono un vasto pubblico su vari temi e problemi del mondo contemporaneo. E’ interdisciplinare perché si contrappone all’iperspecialismo che domina la scienza e la formazione
del nostro tempo, grazie a cui si sa sempre più su sempre meno e sempre meno sul più. Mentre il pensiero unico completa l’opera spingendo l’immaginario collettivo verso l’uniformità del gregge. Non a caso chi governa le nostre società conosce solo uno spicchio di fenomeni e ignora il vasto mondo della natura in cui abitiamo con rischio crescente, non sapendo percorrere altro sentiero se non quello da cui è venuto. La scuola è cosmopolita perché vuole rendere universale il nostro sguardo che oggi è eurocentrico. La storia non l’abbiamo fatta solo noi occidentali e non siamo gli unici abitanti della Terra. Occorre accogliere le lingue e le culture degli altri popoli con cui dobbiamo condividere gli spazi e le risorse della casa comune del pianeta.

Lezioni svolte, previste e in via di definizione

 

Piero Bevilacqua, Un’agricoltura per il futuro della Terra (giovedì 10 novembre 2022 ore 18)

Gianfranco Viesti, L’autonomia differenziata e il destino del Mezzogiorno (lunedì 14 novembre 2022, ore 18,30)

Laura Marchetti, Ecologia popolare, Ecomarxismo, Ecofemminismo ( giovedì 24 novembre 2022 ore 18)

Maurizio Franzini, Le disuguaglianze che bloccano l’economia ( giovedì 1 dicembre 2022  ore 18 )

Luigi De Magistris, Mafie e criminalità organizzata ( lunedì 5 dicembre   2022, ore18 )

Luigi Ferrajoli,  Una proposta realistica: per garantire la pace e la sopravvivenza dell’umanità una costituzione della Terra ( lunedì 12 dicembre 2022, ore 18)

Domenico Cersosimo,  Declino e trasformazioni dell’Italia distrettuale (giovedì 12 gennaio 2023)

Alessandro Portelli, Il calendario civile degli Italiani (giovedì 16 febbraio 2023)

Domenico De Masi, Le società industriali e le rivoluzioni dell’orario di lavoro

Domenico De Masi, Le metamorfosi del lavoro nell’età neoliberista

Carlo Petrini, La rivoluzione culturale di Slow Food

Salvatore Settis, Come salvare il patrimonio artistico italiano

Paolo Maddalena, Cosa sono i beni comuni e come si difendono

Nabil Salameh, Uno sguardo sul mondo arabo

Vezio De Lucia, La difesa di quel che resta delle città storiche in Italia

Tomaso Montanari, La gentrificazione delle città e la mercificazione dei beni culturali in Italia

Guido Viale,La crisi ambientale e l’economia della cura

Filippo Barbera,  Riabitare l’Italia: policentrismo, servizi fondamentali e nuove popolazioni

Ilaria Agostini, Il declino della città pubblica

Enzo Scandurra, Modernità, scienza, ecologia

Paolo Favilli, Il Capitale di Marx e la sua eredità

Ernesto Longobardi, La condizione umana  e l’economia ( giovedì, 16 marzo 2023)

Gaetano  Lamanna, Nuove politiche per la terza età

Francesco Sylos Labini, La restaurazione aziendalistica dell’Università e il mutamento possibile.

Manuela Naldini  Le politiche sociali e un nuovo welfare

Filippo La Porta, Pasolini  e la società dei consumi

Pier Giorgio Ardeni, Lo sviluppo e i suoi limiti

Enzo Paolini, Sistemi elettorali ed arretramento della democrazia in Italia

Ignazio Masulli, Precarietà del lavoro e società precaria

Battista Sangineto, Territorio, paesaggio e politifche pubbliche nel Sud

Franco Arminio, La civiltà dei paesi

Angelo Dorsi, Attualità di Gramsci

Guido Ortona, Come realizzare occupazione pubblica.

Salvatore  Lupo, La mafia nella storia d’Italia

Salvatore  Lupo, Caratteri della dittatura fascista

Tonino Perna, La salvaguardia dei boschi e la rinascita dei territori

Sergio Bologna, Caratteri e dimensioni del lavoro autonomo in Italia

Paolo Cacciari, Esperienze e idee per un nuovo modello di sviluppo

Salvatore Cingari, La meritocrazia  e l’uguaglianza

Manuela Filandri, Quali politiche per la casa.

Vito Teti, L’umana saggezza del restare

Alberto Magnaghi, Potere dal basso e comunità locali.

Giuseppe De Matteis, I problemi della montagna italiana

Emanuela Guidoboni, I terremoti italiani e le politiche di prevenzione

Armando Vitale, Croce e la cultura borghese del suo tempo

Pino Ippolito Armino, La retorica dei neoborbonici e la realtà del Mezzogiorno

Lavinia Bifulco, Come riorganizzare la sanità pubblica

Alberto Berton, Com’è nata e come si è diffusa l’agricoltura biologica.

Rossano Pazzagli, Il paesaggio agrario italiano e il suo avvenire

Roberto Musacchio, La fondazione neoliberistica dell’ Unione Europea

Andrea Mariuzzo, Rifondare la scuola

Lidia Decandia, Territori e marginalità sociale

Mario Fiorentini, Diritto, economia, ambiente. Storia e prospettive di un rapporto difficile

Franco Toscani, Il rapporto uomo-natura , la cura e l’abitare