contenuti

L’operaio (Giovanni) massa

di Loris Campetti – Sembrava che non dovessero finire mai gli “anni duri”, iniziati molto presto dopo la sconfitta del nazifascismo, e la cacciata dei comunisti dal governo fu accompagnata dalla cacciata degli operai della Fiom dalle fabbriche…

Un altro sovranismo è solo subalterno

di Pasquale Voza – Di fronte all’egemonia politico-culturale e alle forze di governo delle destre (tale è da intendersi decisamente il senso e il contesto del cosiddetto governo giallo-verde) si delineano presunte alternative che tendono a riprendere…

Da un Cesare all’altro: il populismo oggi

di Rocco D’Ambrosio* – È la parola del momento: populismo. E come spesso succede, per ciò che è di moda, viene usata a proposito e a sproposito, con poche possibilità di capire e discutere. Quindi sono – gli altri: i potenti, i ricchi, i leader, i capi, i dirigenti – un po’ tutti populisti. Lo sono Trump ed Erdogan, Di Maio e Renzi, Grillo e i Casaleggio, Le Pen e Salvini, papa Francesco e Angela Merkel, Berlusconi e Meloni e via discorrendo…

Nostra patria è il mondo intero

di Giovanni Russo Spena – “L’Italia agli Italiani”, “protezione etnica”: questi messaggi infami, come le conferenze organizzative di Bannon in Europa, che sta organizzando un processo di “trumpizzazione”, ci richiamano a un percorso classico (chi ricorda Weimar?): il cosiddetto “populismo sovranista” è una riedizione contemporanea del vecchio “nazionalismo”. In tutto il mondo si chiama “nazionalismo”…

La geometria variabile della sinistra

di Walter Baier – Malgrado i moderati tassi di crescita, l’UE non sta bene. Mentre le disparità sociali all’interno e tra i singoli stati continuano a crescere, l’UE ha optato per un aumento delle sue spese militari e cerca di compensare la sua evidente mancanza di coesione interna con una politica sempre più aggressiva nei confronti di migranti e rifugiati.

Intervista a Nikos Xydakis

Intervista a Nikos Xydakis, capogruppo di Syriza al parlamento ellenico, ex ministro della Cultura ed ex ministro per gli Affari Esteri della Grecia.

Chi demolisce una scuola, demolisce il futuro

Angela Celeste Costantino ha lanciato questa petizione e l’ha diretta a António Guterres, Secretary General of the United Nations

A partire dal 1 giugno, giorno in cui la sentenza sulla demolizione del villaggio beduino palestinese di Khan al Ahmar è divenuta esecutiva, i bimbi e le famiglie si trovano in una situazione di terribile stress e tensione. Ogni mattina potrebbe accadere l’irrevocabile…

Provaci ancora… copyright

Nuovo tentativo di approvare a Strasburgo il cosiddetto regolamento sul copyright. Non dovrebbe essere così difficile riconoscere il diritto degli autori di essere liberi e remunerati e contemporaneamente quello dei cittadini ad accedere liberamente e gratuitamente alla cultura e all’informazione…

L’UE prove di forza o di debolezza?

Mentre Juncker annuncia che l’Europa si darà frontiere (naturalmente blindate e con guardie “europee”) come una sola grande nazione ma darà anche la caccia al “lavoro qualificato” per appropiarsene, il capogruppo del Ppe, Weber (csu) dice che lui voterà per la procedura contro il governo ungherese…

Dialop per marxisti e cristiani

di Roberto Morea –
Syros è un’isola a tre ore di traghetto da Atene ed è la “capitale” delle isole egee. La sua storia è quella di rifugiati ed emigrati…

“L’imputato” Orban

Redazione – Alla presenza del presidente dell’Ungheria Orban si discute in parlamento europeo il rapporto che mette sotto accusa molti comportamenti del suo governo rispetto ai “valori democratici” europei. Per essere approvato ci vogliono 376 voti a favore con almeno i 2/3 dei voti dei componenti il PE…

Sinistra dammi il sole

di Roberto Musacchio – Non era un voto qualunque quello della Svezia che, dopo le compromissioni con il nazismo, è stata quasi il simbolo del modello sociale europeo. il welfare, l’emancipazione, Bergman e Palme. Olaf Palme fu probabilmente il punto più avanzato toccato dalla socialdemocrazia europea quando, insieme a Brandt, buttò l’occhio verso quel Mondo che stava arrivando, quello della globalizzazione e provò a immaginarlo diverso, temendo, a ragione, che altrimenti la nuova “morte nera” avrebbe spazzato via quella idea di gioia che l’Europa uscita dall’olocausto aveva provato a regalarsi.

Le elezioni svedesi viste da lì

di Malin Björk, Member of European Parliament Swedish Left Party / Vänsterpartiet – 

Report on the Swedish elections

The Swedish Left Party has made one of its best election results ever. The first results show that we are now at 7,9 percent (up from 5,7 percent in 2014). The result was even better in the three largest cities: Stockholm (13 percent), Göteborg (14 percent), and Malmö (11 percent)…

Oggetto: dibattiti d’aula del parlamento europeo

In questi giorni ci saranno al Parlamento Europeo dibattiti importanti. Si inizia martedi mattina con la presenza in aula di Alexis Tsipras: 1) martedì 11 settembre, ore 09h00, Alexis TSIPRAS su “dibattito sul futuro dell’Europa”. Tsipras parlerà per primo dopo un saluto di Tajani, a seguire un giro dei gruppi politici, e poi “dibattito aperto”; 2) martedì 11 settembre, ore 12h00, seduta solenne con il Presidente del Libano Michel AOUN; 3) 12 settembre, ore 09h00, discorso sulla STATO DELL’UNIONE di JUNCKER, da seguire…

HIPOCRESÍA POLÍTICA Y PERSECUCIÓN JUDICIAL

di Adolfo Pérez Esquivel, Premio Nobel de la Paz argentino. 

Se ha desatado en todo el continente la criminalización y persecución de los gobiernos y frentes políticos progresistas y populares. Se llama “lawfare” e implica usar el sistema judicial contra el enemigo en una especie de guerra judicial. No hay casualidades, esto es parte de la política de dominación para América Latina impulsada por los EE.UU. y sus agencias.

Una formula di moda per edulcorare il nazionalismo

di Marco Bascetta (dal manifesto del 14 agosto 2018) – «Estate sovranista» titola l’Espresso. Il tradizionale articolo agostano di costume politico-balneare. Quasi a conferma di quanti ritengono la qualifica di…

Intervista a Maurizio Acerbo

Intervista a Maurizio Acerbo ♥ , segretario del Partito della Rifondazione Comunista. Qual è la fase politica in cui ci troviamo? Quale l’iniziativa politica per i prossimi mesi?  

Il Contratto a-sociale

di Paola Boffo – Il 29 marzo 2017 il Regno Unito ha notificato al Consiglio europeo l’intenzione di lasciare l’Unione europea, conformemente all’articolo 50 del trattato sull’Unione europea. Da quel momento si è avviato il negoziato per la Brexit, che si dovrà concludere con la definizione di un accordo di recesso. La totalità del diritto primario e derivato dell’Unione cesserà di applicarsi al Regno Unito alle ore 00.00 del 30 marzo 2019 (la “data del recesso”). A partire da quel momento il Regno Unito sarà un paese terzo…

Menu