articoli

Indovina chi c’è dietro la paralisi sul CoVid-19 nel Comitato sulla sicurezza alimentare mondiale

di Nora
McKeon

Il COVID 19 ha moltiplicato le sfide della fame e della malnutrizione. Abbiamo bisogno di un’azione trasformativa!“. Il primo oratore alla 49a sessione plenaria del Comitato delle Nazioni Unite per la Sicurezza Alimentare Mondiale (CFS), il Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha acceso i riflettori sugli impatti disastrosi della pandemia che hanno afflitto le comunità di tutto il mondo per quasi due anni. Gli ha fatto eco il presentatore dell’edizione 2021 dello Stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo, per il quale “Il COVID è solo la punta dell’iceberg”, mentre l’oratore principale, Jeffry Sachs, ha sottolineato la natura multiforme della crisi, con al centro povertà e conflitti cronici.

Delegazione dopo delegazione, in molti hanno preso la parola virtuale per condividere le loro preoccupazioni: Kenya che ha parlato per il Gruppo Africa, Colombia, Cuba, Costa Rica, Norvegia, Marocco, Perù, Spagna, Indonesia, Messico, Malesia, Mali, Capo Verde, Sud Africa, Uganda, Santa Lucia e altri.

Gli impatti del CoVid-19 sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione sono pesanti e duraturi. I più vulnerabili sono i più colpiti, all’interno e tra i paesi. Il Covid ha approfondito e aggravato le fragilità strutturali e le ingiustizie esistenti nei nostri sistemi alimentari. Le cause sono multisettoriali e non possono essere trattate in modo isolato. “Il multilateralismo, la solidarietà e la cooperazione sono fondamentali per il futuro“, ha aggiunto il presidente dell’ECOSOC, e “il CFS è un forum multilaterale unico perché riunisce tutti gli attori in nome del diritto al cibo“. Il testo adottato alla fine del primo giorno ha riassunto tutti questi contributi e ha approfondito la preoccupazione richiamando l’attenzione sulla possibilità di pandemie ricorrenti.

Con questo tipo di apertura ci si poteva aspettare un’ovazione quando è stato proposto, il giorno successivo, che il CFS mettesse insieme una risposta politica coordinata a livello globale agli impatti del CoVid-19 sulla sicurezza alimentare e sulla nutrizione e una proposta di approccio precauzionale verso possibili futuri shock di questo tipo.

C’è voluto molto tempo per arrivare a formulare questa proposta. Per un anno e mezzo il Meccanismo della Società Civile e dei Popoli Indigeni (CSM) del CFS ha documentato le esperienze e proposte delle organizzazioni e comunità associate e ha portato queste prove dal campo nel dibattito globale. All’inizio di quest’anno un gruppo informale di governi “Impegnati” e altri partecipanti al CFS si erano riuniti per spingere il CFS a intraprendere un’azione determinata. Come potrebbe non essere all’altezza del suo mandato di fronte alla più grave minaccia alla sicurezza alimentare globale che il mondo ha dovuto affrontare dalla crisi alimentare del 2007-2008?

Appena una settimana prima del CFS49 il “Gruppo degli Impegnati” aveva tenuto un seminario in cui le prove e le proposte per l’azione politica globale erano state presentate da governi nazionali, autorità regionali e locali, produttori alimentari su piccola scala, organizzazioni che si battono contro l’insicurezza alimentare urbana, insieme alle agenzie delle Nazioni Unite, lo Speciale Relatore sul Diritto all’Alimentazione e il Gruppo di Esperti di Alto Livello del CFS. Il seminario ha dimostrato che sono in corso azioni da parte di diversi attori e autorità a livello locale, nazionale e regionale, mentre le agenzie delle Nazioni Unite hanno sviluppato e adottato strumenti e programmi politici pertinenti nei rispettivi settori. Quello che finora è mancato è un modo per mettere insieme le diverse prospettive e iniziative in un approccio coordinato multisettoriale e multilaterale. Colmare questa lacuna è stata la proposta che è stata presentata nel CFS49. “Abbiamo bisogno di una risposta globale coerente e coordinata per sostenere gli sforzi dei governi e il CFS è il luogo appropriato perché ciò accada“, aveva esortato l’ambasciatore del Mali nel suo discorso di apertura.

Allora, che dire dell’ovazione? La proposta è stata sostenuta dai Paesi del Sud del Mondo guidati dai Paesi africani, i più colpiti da ingiustizie nell’accesso ai vaccini, dipendenza dalle importazioni di cibo e indebitamento, ma anche da Messico, Perù, Marocco, il CSM e il Relatore Speciale sul Diritto al Cibo. “Questo è il posto giusto per affrontare il CcVid!“, ha detto. “Oggi la questione alimentare è prioritaria. Non è stata affrontata dal vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite. Il CFS ha il mandato e gli strumenti, e le altre agenzie delle Nazioni Unite sono fortemente impegnate a cooperare”. Ma, incredibilmente e inaccettabilmente, la proposta non è passata. È stata bloccata per motivi procedurali capziosi da una coalizione schiacciasassi di Paesi grandi esportatori di materie prime che respingono ogni possibile limitazione che potrebbe essere posta al commercio globale in nome dei diritti umani, dell’equità, delle preoccupazioni ambientali: Stati Uniti, Canada, Argentina, Brasile , Russia. L’UE, vergognosamente, ha taciuto.

Le implicazioni per il multilateralismo inclusivo, la democrazia, la necessaria trasformazione radicale dei nostri sistemi alimentari sono gravi. “Una barriera chiave alla trasformazione è l’interferenza delle grandi aziende“, ha affermato il delegato del Messico. “I governi devono assumere il loro ruolo di agenti del cambiamento, regolatori dei sistemi alimentari e protettori del pianeta, ma non possiamo farlo da soli. È necessaria un’attenzione globale e il CFS è il posto giusto per farlo.” Ma, il CFS è tenuto in ostaggio.

L’arroganza con cui pochi ignorano la realtà, l’evidenza e l’urgenza sta portando a un aumento inaccettabile della violazione dei diritti umani di molti. La pazienza si sta esaurendo. “Se sono in questa stanza è per onorare le preoccupazioni delle persone più colpite nella mia regione“, ha affermato un membro del Gruppo degli Impegnati dopo la sessione. E le persone della sua regione, insieme ad altre da tutto il mondo, stanno alzando la voce sempre più forte, come nella contromobilitazione per trasformare i sistemi alimentari aziendali organizzata lo scorso luglio in parallelo al Pre-Summit dell’UNFSS. La trasformazione radicale del sistema alimentare è in costruzione dal basso e la CFS, per quanto handicappata, è la cassa di risonanza globale più clamorosa per l’affermazione del diritto al cibo e alla sicurezza alimentare delle persone.


Nora McKeon è un’attivista di Terra Nuova

European Forum 2021 – Programme
Brexit: why does Northern Ireland matter so much?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu