I cuori nerissimi di Walter Veltroni

“Per ricordare un giovane ucciso negli anni Settanta l’ex segretario del Pd equipara fascisti e antifascisti e riscrive una storia simile a quella che piace alle estreme destre” scrive Christian Raimo su Jacobin Italia, commentando l’articolo di Walter Veltroni sul Corriere della Sera del 16 febbraio, “per ricordare Sergio Ramelli, un giovanissimo militante neofascista massacrato barbaramente nel 1975 in un agguato, e morto dopo più di un mese di agonia”. 

“In un solo paragrafo, mettendo insieme in un unico minestrone indigesto il riemergere terribile dell’antisemitismo e del negazionismo, le storie diversissime di violenza degli anni Settanta e un giudizio paternalista contro le tecnologie moderne, squalifica da subito il suo approccio”. Così Raimo commenta l’incipit dell’articolo di Veltroni: ” Di storie come quella che sto per raccontare ce ne sono state molte, troppe, quando eravamo ragazzi. Vale la pena usare la memoria, non solo per un giorno, oggi che vediamo l’odio riemergere sui muri delle case di deportate morte da tempo e impazzare incontrollato su schermi tecnologici e moderni”.

Vale la pena leggerlo.

image_pdfimage_print
,
L’affare del secolo di Trump. Voci dal Medio oriente. Silenzio dall’Italia e dall’Europa!
1991-2021: chiudere una fase, aprirne un’altra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu