editoriali europei

Brutti segnali dal Parlamento Europeo

Al momento in cui pubblichiamo queste Notizie settimanali dal Parlamento Europeo, non sappiamo ancora come si concluderà la votazione della Risoluzione sui vaccini e i brevetti. Il compromesso trovato tra i Gruppi di maggioranza, al quale si sono accodati anche i Verdi, non fa ben sperare. Si tratta di un passo indietro rispetto all’emendamento approvato nella sessione di maggio, che chiedeva la sospensione dei brevetti. Il sussulto di coraggio dei socialisti, che l’avevano votato, sembra essersi spento sotto il peso delle decisioni di un establishment europeo che, come accade spesso in questi ultimi tempi, appare più conservatore dello stesso governo degli Stati Uniti.

Il Gruppo della Sinistra ha presentato suoi emendamenti, riproponendo la revoca temporanea dei brevetti. Vedremo chi li voterà.

L’inizio di questa plenaria fa registrare anche l’approvazione dell’Accordo sul Certificato Covid19 dell’UE, che da mesi non si chiama più Certificato Verde Vaccinale; furono proprio i deputati europei a farne cambiare il nome, chiedendosi: “Ma che c’è di verde?”. La notizia non sembra, però essere arrivata in Italia, dove tutti continuano a dire Green Pass.

Nelle ultime riunioni delle Commissioni si sono svolte interessanti discussioni su questioni importanti. Di questo e altro si parla nelle Notizie dal Parlamento Europeo di questa settimana.

Algoritmi, la discriminazione invisibile
Stop all’allevamento intensivo in gabbia: una Risoluzione del Parlamento Europeo promossa dai cittadini europei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu