pensieri veloci

Sequenziare il virus

di Giuseppe
Massinissa

Sequenziare il virus per non essere costretti a rincorrere le varianti e per capire per tempo ciò che accade intorno a noi.

Il servizio di Report di lunedì 19 Aprile è stato utilissimo per conoscere cosa accade nel Brasile dell’orribile Bolsonaro e, di conseguenza, in che modo ci riguarda.

Il caso di Manhaus è illuminante per capire come mai una popolazione ritenuta immune per aver nella sua stragrande maggioranza contratto il virus si è infettata di nuovo perché ha selezionato una variante ancora più contagiosa ed aggressiva.

Attualmente in Brasile il virus dilaga e le poche vaccinazioni si stanno effettuando con il vaccino cinese perché la Cina è stata l’unica ad essere disponibile, non solo a fornire, ma anche a condividere il brevetto per la produzione in loco.

Purtroppo la scarsa efficacia del vaccino cinese non dà grandi assicurazioni per il futuro.

Da noi la variante brasiliana e quella sudafricana ,molto simile, sono presenti (ad esempio nel 40% in Umbria e nel 20%nel Lazio).

La nuova frontiera, insieme alle vaccinazioni , è il sequenziamento del virus per essere pronti ad individuarne tempestivamente le varianti.

Il Regno Unito si sta ponendo all’avanguardia con investimenti pubblici cospicui e con il coordinamento dei centri di ricerca.

L’Italia è terribilmente indietro e la cosa più preoccupante è che nel dibattito pubblico non emerge come priorità e, purtroppo anche negli obiettivi immediati del Governo, mentre ci si accapiglia sull’ora in più o in meno del coprifuoco.

Essa, invece, costituisce una priorità delle priorità se si vuole evitare di rincorrere ancora una volta gli effetti tragici della pandemia e rischiare anche l’inefficacia dei vaccini conosciuti.

 

, ,
No Profit on People and Planet! NO G20
Dossier pesanti al Parlamento Europeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu