notizie dal Parlamento Europeo

Contro la delocalizzazione della CO2

Il Parlamento Europeo propone una tassa alle frontiere per scoraggiare l’importazione nell’UE di CO2, segnatamente quella proveniente dalle delocalizzazioni delle imprese europee. Il 10 marzo 2021, è stata infatti approvata una Risoluzione che chiede alla Commissione di presentare una proposta per introdurre Un meccanismo UE di adeguamento del carbonio alla frontiera compatibile con l’OMC.

La Risoluzione è il risultato di un compromesso tra i principali Gruppi parlamentari, al quale il GUE/NGV non ha partecipato. “La proposta che abbiamo davanti affronta un problema vero, al quale, però, si risponde con un cattivo strumento.” Così si è espresso Manuel Bompard intervenuto nel dibattito[1] a nome del Gruppo della Sinistra al Parlamento europeo – GUE/NGV.

 

 

 

 

[1] Altri nterventi nella discussione:

Silvia Modig (GUE/NGL)

https://www.europarl.europa.eu/plenary/it/vod.html?mode=unit&vodLanguage=IT&playerStartTime=20210308-18:36:08&playerEndTime=20210308-18:37:29#

 

Bas Heickhout (Verdi/ALE)

https://www.europarl.europa.eu/plenary/it/vod.html?mode=unit&vodLanguage=IT&playerStartTime=20210308-18:44:48&playerEndTime=20210308-18:46:28#

Responsabilità aziendale per le violazioni dei diritti umani e ambientali
UE: “Zona di libertà LGBTIQ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu