Seminari sulla sostenibilità

di Riccardo
Rifici

Segnalo l’interessante iniziativa del circolo Che Guevara di Roma. Si tratta di un ciclo di 7 incontri seminariali dal titolo “La città si cambia così”. Gli incontri affronteranno il tema della sostenibilità (ambientale, sociale ed economica) in cui, oltre a cercare di fare il punto sui problemi di carattere globale e locale che abbiamo di fronte (temi affrontati in un primo seminario già tenuto il 21 ottobre scorso), si cercherà di approfondire una serie questioni, alcune più di carattere locale legati alla città metropolitana di Roma, altri di carattere più generale che interessano tutto il nostro Paese.

Tra i temi specifici che si cercherà di approfondire vi sono:

  • quello, più particolare, legato al tema della gestione dei rifiuti, con attenzione alla città di Roma (Seminario del 18/11/2020)
  • quelli di carattere generale riguardanti le filiere produttive presenti sul territorio (Seminario del 9/12/2029) o quelli riguardanti la tutela del territorio, il consumo di suolo, la tutela delle acque (seminario del 20/01/2021)
  • quelli legati al tema dell’edilizia, dell’abitare, della mobilità e della gestione del verde pubblico con particolare attenzione alla città di Roma (seminario del 17/02/2021)
  • quelli concernenti al legame tra giustizia ambientale e giustizia sociale (seminario del 18/03/2021)
  • e quello legato al tema dei consumi e dei comportamenti sostenibili (seminario del 7/04/2021).

Si cercherà, inoltre, di affrontare tali temi legandoli anche ad una riflessione più ampia sul tema della “governace territoriale”, su quali strutture, amministrative e sociali, necessarie per meglio gestire tali questioni. Tutto ciò cercando di iniziare un una riflessione, non più eludibile, sulla struttura istituzionale che si è andata via, via a definire in questi ultimi decenni, sia al fine di contrastarne gli ulteriori possibili peggioramenti, sia per provare ad attivare possibili correttivi.

Raccolta firme a sostegno dell’azione Agorà
“Quando c’erano i comunisti”, era un’altra storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu