Le "raccomandazioni" del Consiglio a Italia e alle altre: scolaro in difficoltà

Le “raccomandazioni” del Consiglio a Italia e alle altre. 

In base alle regole del semestre europeo, ecco le raccomandazioni all’Italia e alle altre.

Il 13 luglio il Consiglio ha concluso l’esercizio del “semestre europeo” di quest’anno, il processo annuale di monitoraggio volto a garantire la convergenza e la stabilità economiche nell’UE.

Il Consiglio ha pubblicato le raccomandazioni e i pareri sulle politiche economiche, occupazionali e di bilancio degli Stati membri per il 2018. Le raccomandazioni erano state approvate dal Consiglio europeo di giugno.

L’obiettivo generale delle raccomandazioni di quest’anno è incoraggiare gli Stati membri a sfruttare l’attuale dinamica economica positiva per rafforzare ulteriormente la resilienza delle loro economie.

Il semestre europeo comporta, ogni anno, il monitoraggio simultaneo delle politiche economiche, occupazionali e di bilancio degli Stati membri per un periodo di sei mesi.

Alla luce degli orientamenti strategici forniti annualmente dal Consiglio europeo di marzo, gli Stati membri presentano nell’aprile di ogni anno:

  • i programmi nazionali di riforma per le loro politiche economiche e occupazionali. Essi includono uno scenario macroeconomico per il medio periodo e gli obiettivi nazionali per l’attuazione della strategia “Europa 2020” per la crescita e l’occupazione e individuano i principali ostacoli alla crescita e le misure per le iniziative atte a promuovere la crescita nel breve periodo
  • i programmi di stabilità o di convergenza per le loro politiche di bilancio. I paesi della zona euro presentano programmi di stabilità, mentre gli Stati membri non appartenenti alla zona euro presentano programmi di convergenza. Questi stabiliscono gli obiettivi di bilancio a medio termine, le principali ipotesi sul previsto andamento dell’economia, una descrizione delle misure di politica economica e di bilancio e un’analisi del modo in cui le variazioni delle ipotesi influiranno sulle posizioni di bilancio e sul debito

Il Consiglio adotta quindi raccomandazioni specifiche per paese e pareri.

Le raccomandazioni specifiche per paese 2018 sono rivolte a 27 dei 28 Stati membri dell’UE. Per evitare duplicazioni non è stata elaborata alcuna raccomandazione specifica per Paese per la Grecia, in quanto questo Paese è oggetto di una sorveglianza rafforzata delle politiche nell’ambito di un programma di aggiustamento economico.

Nel maggio 2018 il Consiglio ha adottato una raccomandazione specifica sulle politiche economiche della zona euro. Lo ha fatto in una fase anteriore in modo che si tenga conto delle questioni della zona euro all’atto dell’approvazione delle raccomandazioni specifiche per paese.

Le raccomandazioni figurano nei seguenti documenti:

Visita la pagina della sessioneScarica in formato PDF

Menu