Coronavirus: finalmente una via comune europea per la “fase 2”

La Commissione europea ha definito una tabella di marcia per la revoca graduale del confinamento, che si basi su principi condivisi, coordinati e armonizzati fra i diversi Stati membri e che, tra l’altro, implica misure di accompagnamento che permettano di:

  • raccogliere dati armonizzati e predisporre un sistema affidabile di comunicazione e di tracciamento dei contatti, anche mediante strumenti digitali che garantiscano la totale riservatezza dei dati;
  • ampliare le capacità diagnostiche e armonizzare le metodologie di prova. La Commissione ha adottato oggi, in consultazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, orientamenti su diversi test per il coronavirus e sulle loro prestazioni;
  • aumentare la capacità e la resilienza dei sistemi sanitari nazionali, in particolare per gestire il previsto aumento dei contagi dopo la revoca delle restrizioni;
  • continuare ad aumentare le capacità in termini di dispositivi medici e di protezione individuale;
  • sviluppare terapie e medicinali sicuri ed efficaci e sviluppare e accelerare l’introduzione di un vaccino per porre fine al coronavirus.

Leggi il comunicato stampa.

Virus di solidarietà in un’Unione di crisi
La California: modello nazionale per affrontare il covid-19?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Menu